Rilevatore temperatura supplementare

È essenziale che venga introdotto un rilevatore di temperatura. Le rilevazioni di temperatura fatte dalle valvole non sono significative soprattutto per ambienti grandi
13
13 voti

Active · Ultimo Aggiornamento

Commenti

  • Condivido che sia necessario rendere disponibile un sensore esterno economico che non costringa a comprare un termostato intelligente per fare una cosa stupida come quella di sensore di temperatura
  • Concordo che sarebbe una cosa molto gradita e comoda.

  • qual é l'opinion di Tado? non siamo i primi a segnalare questa necessita'

  • Decisamente necessario, altrimenti la valvola termostatica in alcune situazioni (banalmente, termosifone nella nicchia sotto la finestra, o nelle stanze grandi) invece che essere un valore aggiunto è un danno.

  • Io ho esperienza con le valvole termostatiche normali (caleffi). Impostare una temperatura precisa non serve a niente in quanto c’è una dipendenza da innumerevoli fattori (posizione radiatore, grandezza stanza,etc). L’unica è fare delle prove ed impostare una temperatura che consenta di riscaldare la stanza secondo la nostra necessità.
    Nel mio caso ho una impostazione a 24 gradi sulla valvola ma nella stanza ce ne sono 20.
  • nel mio caso, ed in quello di altri utenti qui, le valvole "intelligenti" tado° a calorifero acceso rilevano 26°C o più quindi sostanzialmente il calorifero appena va a regime si spegne.

    tado° semplicemente se ne frega, meglio sviluppare funzioni utilissime quali qualità dell'aria.

    se hai realizzato una valvola malprogettata assoggettata dal calore prodotto dal calorifero, almeno compensa il problema via software con un offset dinamico sulla base del calorifero sia acceso o spento, ed invece no.

    a tado° non darò manco un altro € dopo che ne ho spesi 1000 tra termostato e valvole scadenti.

  • Buon giorno,

    panche io non sono molto soddisfatto delle valvole termostatiche.

    ho provato a farle lavorare separandole e creando zone di una stanza (è stato un disastro) e poi a riunirle a gruppi sempre più grandi per migliorare la lettura media ma non è servito a molto.

    mio pensiero simile a quello di qualcun altro di questo argomento : non si potrebbe aggiornare il software rendendo parametro utilizzabile anche l’acceso spento del termosifone e usandolo per rendere meno sensibile il sensore della testa?

    grazie

  • Ho fatto la sciocchezza di fidarmi di Tado visto che mi ero trovato benissimo con il solo termostato e ho preso ben 6 valvole..

    Impossibile gestire il riscaldamento in ogni stanza, purtroppo o per fortuna ho tutti i radiatori in delle nicchie e appena parte il riscaldamento la temperatura rilevata sale oltre 25 spegnendo il termosifone snche se la stanza è a 18º

    È INDISPENSABILE che Tado provveda il prima possibile alla commercializzazione di un sensore di temperatura wifi da abbinare alle valvole

    Sono MOLTO deluso
  • modificato 3 dicembre

    Purtroppo stessa esperienza, il sistema può essere anche valido, ma se uno dei fattori principali che lo influenzano è la temperatura rilevata e quest'ultima viene rilevata male, diventa decisamente poco utile....

    Appartamento openspace con salotto e cucina in un'unico ambiente di 50mq e due caloriferi a colonna, temperatura rilevata dalle valvole 24 gradi, temperatura reale poco più di 18.

  • modificato 13 dicembre
    Per quello che ho potuto constatare, il sistema Tado con le teste elettroniche per le valvole nel complesso funziona e anche bene, a patto di avere dei sensori di temperatura in ogni stanza e qui sta il problema. Spendere 100 e passa € per ogni termostato quando non ce ne sarebbe bisogno.
    Per quanto riguarda le teste elettroniche, non credo siano mal progettate, il fatto è che è semplicemente impossibile (per quanto le si provi a isolare o a montare nella condizione più ideale possibile) che rilevino una temperatura corretta. Si potrebbe provare a correggere il problema via software ma difficilmente si otterrà una soluzione "dinamica", inoltre ricordo a tutti che le suddette teste "intelligenti" sono agganciate ad una valvola dove dentro scorre acqua calda, tempo poco e tutto il blocco scalderà rilevando temperature incongrue.
    Se Tado non vuole inserire dei sensori di temperatura economici da abbinare alle teste elettroniche è semplicemente perché vuole che si spendano tanti soldi per l'acquisto dei singoli termostati e state tranquilli che se lo voleva fare l'aveva già fatto prima di commercializzare il suo prodotto.
    Io ho dovuto prendere 4 termostati (5 stanze ma 2 sono praticamente accoppiate) e ora il sistema funziona impeccabilmente.

    Marco
  • Sono d'accordo con @Bismarck_84. Evidentemente a Tado non interessa venire incontro ai clienti. Ho visto che la stessa richiesta è stata fatta nel foum italiano, tedesco e inglese. E in nessun caso Tado ha risposto.

    Domanda: se invece di montare un termostato intelligente in ogni stanza si comprasse una semplice valvola, da lasciare appoggiata su un mobile nel punto in cui si vuole misurare la temperatura reale e assegnare a questa valvola il compito di fare da sensore di temperatura per quella stanza? La valvola si attiva anche se non è collegata al termosifone, giusto? In questo modo si spenderebbero 80€ a stanza (sempre troppi, ma meno degli oltre 100€ necessari per il termostato).

  • Ci avevo pensato...

    Ma tutto sommato, visto che sulla baia oramai si trovano i termostati anche a 70 / 75 / 80€ l'uno, direi che vale la pena prendere le scatolette che almeno leggono i decimali e hanno in più il sensore di umidità.

Accedi oppure Registrati per commentare.