Risolvere attraverso il software il problema fischio delle valvole su impianti datati

Opzioni

Salve, scrivo per suggerire un rimedio per non far fischiare le valvole su impianti che non hanno o una caldaia a pompa modulante o una valvola di bypass di ricircolo.

Sarebbe sufficiente aggiungere un opzione software nella gestione delle valvole che modifica la modalità di Apertura/Chiusura delle valvole. Questa opzione cambia la modalità di Apertura/Chiusura della valvola che non lavora più modulando il flusso dell'acqua ma lavora semplicemente nella modalità ON/OFF, ON significa che la valvola è completamente aperta, OFF completamente chiusa.

Questa modalità riduce i risparmi ma eviterebbe fischi che diventano molto fastidiosi durante il giorno e soprattutto di notte e allungherebbe la vita della pompa della caldaia.

Spero che la segnalazione possa essere utile per arricchire il vostro prodotto per risolvere un problema che affligge molti impianti datati.

Cordiali saluti

Christian

9
9 voti

Active · Ultimo Aggiornamento

Commenti

  • Concordo !!! L’unico modo per risolvere il problema del rumore alle valvole e la completa apertura o chiusura evitando la parzializzazione …
  • crispazz
    Opzioni

    Sono d'accordo, risolvete questo fastidiosissimo problema del fischio/rumore sulle valvole!!!

  • Stego
    Opzioni

    Concordo, lo stavo per chiedere anch'io ;)

  • Roby77
    Opzioni

    mi trovo anche io nella stessa situazione e avevo pensato alla medesima soluzione.

    Preferisco perdere la modulazione, ma almeno togliere il problema del fiscio!

  • Sormike
    Sormike ✭✭✭
    modificato dicembre 2022
    Opzioni

    Una domanda stupida: avete pensato, qualora questo fischio fosse così fastidioso, a sostituire le valvole sul calorifero e metterne una di marca che non soffre di questo problema?

    Prima di mettere le teste Tado, avevo 10 teste termostatiche di 4 marche diverse, di queste, posso dire che, ad un certo punto, chi più chi meno, iniziavano tutte a fischiare.

    Il fischio, purtroppo è causato dalla risonanza che un determinato flusso genera sul pistoncino, sulle valvole termostatiche, la valvola chiude lentamente e gradualmente fino a che inizia questo fenomeno; infatti bastava aprirle o chiudere di poco per attenuarlo o eliminarlo, ma ho notato che se tutte lo provocavano, le Caleffi, per esempio, erano quelle che ne producevano di meno ed invece quelle più "allegre", erano le Giacomini.

    Alcuni tipi di termosifoni poi, come se non bastasse, amplificano il suono ancora di più.

    Del resto, anche i rubinetti dei lavandini se aperti parzialmente, provocano il fischio.

    Ovviamente è solo un idea che potrebbe risolvere il problema.

  • Andyz68
    Opzioni

    Concordo con quello che dice Sormike. purtroppo si ha troppo spesso la tendenza a voler porre rimendo con il software a problemi che sono hardware (lo dico con cognizione di causa per il lavoro che faccio)

    Avere una valvola smart, che ha nella sua forza proprio quella di parzializzare per mantenere la temperatura costante senza sbalzi utilizzando solo l'anergia (termica) necessaria, per farla funzionare in on/off è un controsenso

  • Roby77
    Opzioni
    Vi rispondo subito dicendo che ho sostituito tutte le valvole 1 anno fa con caleffi, che dall'esperienza di sormike solo le meno rumorose.
    Per risolvere il problema ho anche installato un regolatore differenziale di pressione (sempre caleffi) su ognuno dei 5 circuiti che compongono il mio impianto.
    Direi che di interventi hardware ne ho provati eccome.

    Una modifica software del genere non costa nullasi tratta di dare la possibilità di eliminare un paio di posizioni intermedie.
  • Andyz68
    Opzioni

    Potrebbe essere aria nell'impianto?

    Le valvole sono montate nel tubo in basso o in quello in alto del termosifone?

  • Roby77
    Opzioni
    Mj sono assicurato di aver scaricato tutta l'aria, non è quello il problema.
    Le valvole sono sulla mandata, in alto.
  • Sormike
    Opzioni

    Non è aria e non è alto o basso.

    E' un fatto meccanico dovuto al flusso del liquido che, spinto dalla pompa, attraversa la valvola "parzialmente" chiusa dall'aumentare della temperatura nel locale.

    E' più semplice di quanto possiamo immaginare; provate ad aprire un rubinetto d'acqua qualsiasi, al massimo e poi iniziate lentamente, molto lentamente a chiuderlo, ad un certo punto, l'acqua inizierà a produrre un suono che varierà al variare della chiusura del rubinetto stesso.

    Un metodo (è una prova) per annullare questo fenomeno, potrebbe essere di far intervenire , più o meno, all'ora in cui inizia il suono, ad abbassare repentinamete la temperatura della testa.

    Mi spiego, se so che ad una certa ora, una testa inizia a suonare, mettiamo dopo 2 ore di riscaldamento ed il locale tende a raggiungere la temperatura che è stata impostata, creo una nuova fascia oraria in cui abbasso la temperatura di un grado.

    In questo modo, ripeto è una prova, l'effetto dovrebbe cessare.

  • Roby77
    Opzioni
    Si, la teoria degli ugelli, che conosco molto bene.
    Il rumore si genera solo a carichi parziali, non a tutta apertura.
    Ho limitato il fenomeno andando a ridurre il delta P tra monte e valle della valvola (con i regolatori di pressione, scendendo anche sotto i 100 mbar), ma non basta.

    A me basterebbe poterla azionare in modalità on-off, senza le parzializzazioni intermedie.
  • Stego
    Opzioni
    Concordo che la soluzione definitiva è in on/off. Basterebbe aggiungere sotto l'impostazione "blocco bambini" una voce "modalità on/off", in questo modo si potrebbe scegliere su quali valvole attivare la funzionalità.
  • Andyz68
    Opzioni

    Credo e ripeto credo, che il sistema TADO sia certificato per gli incentivi sul risparmio energetico.

    Io capisco che il problema sia fastidioso, ma se mettessero un settaggio on/off non potrebbero più essere considerate delle teste smart per il risparmio energetico.

    E' davvero strano che con un delta P così basso tu abbia ancora il fischio, viene da pensare che ci sia una pompa davvero sovradimensionata, boh...

    Ci vorrebbe un sistema più complesso, tipo andare con la valvola in chiusura quasi totale e poi riaprire.

    Il top sarebbe quella di aggiungere un "dither" cioè tenerla in leggerissima vibrazione, ma mangerebbe le batterie...

  • Roby77
    Opzioni
    Non sino d'accordo sul fatto che comprmetterebbero la certificazione, aggiungerebbe solo una modalità di funzionamento.
    Sotto quel dP non scendo per non creare altri sistemi, ma a quel valore non è più un fischio quanto piuttosto un fruscio, sempre risolvibile spalancando la valvola.

    Sulle valvole su cui ho il problema setto la temp al max nei periodi di riscaldamento.
  • Stego
    Stego
    modificato dicembre 2022
    Opzioni
    Infatti, lo trovo in analogia con la modalità di funzionamento consentita per collegare la caldaia, on/off o digitale. Permetti all'utente si poter scegliere. Sarebbe comunque più smart rispetto ad una valvola termostatica tradizionale (certificata) lasciata sempre aperta per evitare il fischio.
  • Roby77
    Opzioni
    Per Andyz68, la pompa di circolazione è quella della pdc stessa, non ho altre pompe di circolazione, quindi non credo sia un problema di sovradimensionamento.
  • Andyz68
    Opzioni

    @Stego se vuoi avere gli sgravi la caldaia deve essere a condensazione collegata con termostato di classe 3 in bus a modulazione e un installatore te lo deve certificare.

    Per cambiare da bus a on/off e viceversa ci sono da modificare sia il cablaggio lato caldaia sia quello lato termostato andando poi a riconfigurare caldaia e termostato.

    Capisci che non è proprio semplice come scelta/modifica che un utente medio possa fare in autonomia.

    Se invece metti una semplice opzione sulle teste diventa semplicissimo da cambiare per chiunque dopo che l'installatore è uscito dalla porta di casa.

    Poi onestamente ho solo ipotizzato che una valvola smart modulante se messa in on/off perda la "certiicazione"

  • Andyz68
    Opzioni

    @roby77 immaginavo che la pompa fosse quella della pdc.

    E' poi ovvio che andando a parzializzare l'impianto con le valvole la portata diventi più alta del necessario, lo dimostra il fatto che si alzi il dP a cavallo delle varie valvole.

    Ora dirò sicuramente una cavolata ma la butto lì comunque, invece dei riduttori di dP per ogni termosifone non sarebbe stato meglio una valvola di bypass o valvola di massima a monte dell'impianto?

    In questo modo se la pressione si alza lei apre e scarica tutta la portata in eccesso mantenendo la pressione nell'impianto stabile a prescindere da quanti termosifoni sono aperti e/o parzializzati.

    Per altro anche io, che ho un impianto monotubo, ho un termosifone su 11 che a volte fischia, in modo non eccessivo, e di certo non può essere un problema di pressione che si alza...

  • Roby77
    Opzioni
    Andy, è così che sono installate, una per sistema, non uno per termosifoni.
    Sono prodotti della caleffi, usate anche nei condomini per ogni colonna di distribuzione.
    Sono due elementi, uno su mandata e uno su ritorno e posso regolare portata per ogni sistema è relativo dP.
  • Andyz68
    Opzioni

    Ah ok, avevo capito male, sorry...