Temperatura oltre i 25° o semplicemente valvola sempre aperta

Sarebbe utile avere, per le valvole termostatiche, soprattutto per chi non ha i rilevatori esterni di temperatura, la possibilità di impostare la temperatura oltre i 25°, oppure di impostare la valvola sempre aperta.

So che esiste l'offset, ma questo poi va a influire in modo errato sul rilevamente della temperatura a termosifone freddo.

Essendo le valvole montate spesso nella parte alta del calorifero e a volte anche in spazi chiusi, è facile che rilevano una temperatura più alta (a volte anche di tanto) rispetto a quella reale nella stanza.

7
7 voti

Active · Ultimo Aggiornamento

Commenti

  • Faccio un esempio, sono tornato a casa da poco, alzato il riscaldamento a 21 in alcune stanze circa un ora fa, in casa ora ho mediamente 19 gradi, la valvola in sala me ne segna 25, quella in cucina (che è praticamente rinchiusa in una nicchia) quasi 30.

    Il limite a 25 gradi sinceramente non lo capisco, sembra quasi una forzatura per costringerti a comprare i rilevatori esterni di temperatura.

  • Potrebbe anche essere che 25 gradi sia la temperatura massima per avere la certificazione di classe V

    A volte ci sono risvolti tecnici/normativi che non conosciamo, non si può sempre dare tutto per scontato.

    Se la lettura della temperatura è così diversa dal reale per via della posizione della valvola/termosifone l'unica vera soluzione è il sensore wireless.

    Capisco bene che ha un costo tutt'altro che trascurabile, ma un sistema smart come tado lo si prende per avere un maggior confort e un maggior controllo puntuale in casa e per risparmiare evitando ad esempio di riscaldare locali non usati. Avere un dispositivo che legge una temperatura sbagliata di così tanto ti fa perdere tutti, o quasi, i vantaggi di cui sopra e poter impostare 30 gradi non è la soluzione, purtroppo...

  • Dave83
    Dave83
    modificato febbraio 2023

    Potrebbe o lo è? No perché ci sono termostati di classe V che permettono di arrivare anche a 35°.

    Il problema è che il calorifero si spegne anche se la temperatura non è minimamente vicina a quella impostata. Per fortuna non sono uno freddoloso, ma se lo fossi avrei fatto il reso.

  • @Dave83 non lo so se lo è, ho fatto una ipotesi solo per dire che non bisogna mai dare nulla per scontato.

    Sul fatto della lettura sballata è un problema che hanno, chi più chi meno, tutte le valvole di questo genere (anche quelle della concorrenza) a seconda del tipo di montaggio. Se nella zona dove c'è la valvola il calore del termosifone ristagna qualsiasi sensore leggerà una temperatura errata, motivo per il quale esiste il sensore wireless.

    Alcuni hanno due offset, a freddo e a caldo, vanno un po meglio ma alla fine non è comunque la soluzione definitiva perchè se freddo è freddo, caldo non è sempre allo stesso modo perchè la valvola modula l'apertura quindi potrebbe essere tiepido, caldino, caldo, molto caldo, bollente e le letture avrebbero un errore sempre molto diverso. Ci vorrebbe un sistema per inserire più letture usando un sensore esterno facendo un po di medie ma sarebbe una complicazione che non tutti gli utenti sarebbero in grado di usare con il rischio di starare tutto e peggiorare la situazione, quindi tado a scelto quella che è la soluzione perfetta e definitiva, sensore esterno.

    Posso essere d'accordo con te che è caro, io avrei fatto una linea di valvole "economiche" senza sensori, senza display e senza ghiera da abbinare al sensore wireless o ad un termostato.

    Io per fortuna avendo le valvole in basso non ho questo errore di lettura ma ho una stanza con due termosifoni e il termostato, in questa stanza i sensori, il display e la ghiera delle valvole è inutile visto che quelle funzioni sono svolte dal termostato nello stesso ambiente (lui legge la temperatura, da lui posso impostare manualmente la stanza e leggere le varie info)

  • Certo capisco, ma nel momento in cui mi vendi, al prezzo a cui lo vendono poi, delle valvole termostatiche smart (e sottolineo smart), queste dovrebbero integrare tutte le funzioni possibili per essere utilizzate al meglio anche senza un sensore esterno, che dovrebbe avere solo la funzione di migliorare la rilevazione della temperatura, non essere un oggetto essenziale per scaldare casa.

    Alzare la temperatura massima impostabile o aggiungere una funzione per tenere la valvola sempre aperta (magari anche per un periodo limitati di tempo e non impostabile come fascia oraria), ovvierebbe a questo problema.

    Io con le mie precedenti valvole, non smart, se le mettevo sul 5 sparavano sempre caldo, anche quella che era racchiusa in una nicchia.

    Con Tado anche se imposto il calorifero nella nicchia a 25°, dopo pochi minuti si spegne e non si riattiva per ore!

  • @Dave83 capisco ma anche farti impostare 30 gradi credimi non risolverebbe il problema perchè il temosifinone arriva a 60/70 gradi, avresti comunque problemi, purtroppo, si spegnerebbe solo qualche minuto più tardi

  • Io ho lo stesso problema e sto per disinstallare tutto. Da quando ho montato 8 valvole Tado in casa fa freddissimo. un semplice checkbox nel software che trasformi la valvola in una che non tiene conto del sensore ma solo della programmazione temporale sarebbe stato l’ideale, a costo zero. Peccato, scivolata su una buccia di banana
  • Di solito sono molto critico con tado, ma vi assicuro che questo è un problema di qualsiasi testa termostatica in commercio. Infatti per determinate situazioni ci sono delle testine termostatiche con un filo collegato che altro non è che un sensore esterno. Tado invece ha optato x un sensore di temperatura wireless, in pratica un termostato da abbinare alla testa termostatica, scelta molto più flessibile e pratica…
  • Le valvole termostatiche non smart che avevo prima, se venivano messe su 5 praticamente tenevano sempre aperto, se non sbaglio come limite per loro erano i 30 gradi.

    Sarebbe bastato fare così, essendo tutto gestito da app, aumentare il limite massimo impostabile a loro sarebbe costato praticamente nulla, una variabile da cambiare.